Santa Teresa Gallura

Capolavori Immobiliari

La cittadina si estende su un pianoro roccioso a 40 m sul livello del mare ed é delimitata ad Est dall’insenatura di Porto Longonsardo e a Nord-ovest dalla spiaggia Rena Bianca.
Fu fondata nel 1808 durante il Regno Sardo – Piemontese come caposaldo contro le continue scorribande dei contrabbandieri che infestavano la zona e, soprattutto, contro le mire egemoniche della Francia.
Ma il primo popolamento della zona risale al periodo nuragico del quale si hanno testimonianze anche nei pressi del centro abitato.
Durante l’età romana due centri piuttosto vicini tra loro, Longonis e Tibula, occupavano il territorio. Quest’ultima, molto probabilmente, era il terminale della strada consolare. E’ certo comunque che i Romani frequentassero la zona per lo sfruttamento delle cave di granito. In varie località, infatti, vi sono ancora dei manufatti, più o meno rifiniti, che risalgono al periodo romano. In particolare si trovano presso Cala Grande a Capo Testa; a Santa Reparata, nella parte settentrionale della stessa; nell’isola di Municca presso la spiaggia Rena Bianca e sull’isolotto Marmorata.
Il toponimo Longonis si riferisce al borgo che sorgeva sulla sponda sinistra dell’attuale porto e sembra che il termine sia derivato dalla caratteristica dell’insenatura, allungata a formare un fiordo. In gallurese gli abitanti del paese continuano ad essere indicati come “Lungunesi” e lo stesso centro si chiama “Lungoni” dall’antico nome romano.
Nel corso del ‘900 il borgo si é andato sempre più sviluppando, prima con l’incremento dell’attività agricola e dell’allevamento e in seguito con la diffusione della pesca. Particolarmente importante, fino a qualche anno fa, era l’abbondante raccolta di ottimo corallo nello specchio di mare tra la Sardegna e la Corsica.
Oggi é un centro turistico tra i più animati della costa gallurese. Piazza Vittorio Emanuele e le vie adiacenti sono il centro dell’abitato e il punto tradizionale di incontro. I negozi di artigianato e i bar sempre affollati danno una viva impressione di animazione ed allegria.
Nei dintorni del paese vi sono scorci paesaggistici di particolare suggestione. Ad Est una strada scende verso la stretta insenatura di Porto Longonsardo, da dove partono i traghetti per la Corsica. Dal versante orientale del fiordo, dopo aver superato la zona granitica di Tarra Vecchja che offre numerosi punti panoramici, si raggiunge Porto Quadro e, più oltre, La Marmorata. Quest’ultima, a parte la zona edificata, conserva intatta la bellezza degli scogli flagellati dal mare e dell’ambiente aspro e selvaggio. Numerosi sentieri consentono di addentrarsi a piedi tra graniti e macchia mediterranea alla scoperta di angoli di costa appartati, di batterie e fortificazioni militari abbandonate.
Ad Ovest del paese, invece, é situato il promontorio di Capo Testa, uno dei posti di maggior fascino della Sardegna. Sulla sinistra della strada che conduce dal paese al Capo, poco prima del bivio per Santa Reparata, si trovano i resti del nuraghe di Lu Brandali.
A Sud, dopo aver lasciato il centro abitato ed aver imboccato la strada per Castelsardo, si trovano varie spiagge formate da lunghi arenili a ridosso dei quali cresce una fitta vegetazione con prevalenza di pini. Varie deviazioni, a destra della strada asfaltata, consentono di raggiungere queste spiagge.

Contattaci per le migliori Ville a Santa Teresa Gallura

Contattaci